19.10.14

Suburban Lawns - Suburban Lawns (1981)



"I couldn't wait
Depend on fate
The perfect mate
Computer date"





I Suburban Lawns si formano a Long Beach nel '78. 
Due studenti del California Institute of the Arts si uniscono ad altri elementi, adottano nomi di fantasia e hanno subito la fortuna di comparire al Saturday Night Live con il singolo Gidget Goes To Hell





E' un post-punk nevrotico e spensierato, così come i testi, leggeri ma surreali. 
I viaggi in station wagon nella California del sud, tra rapimenti alieni e anelli di cipolla. 
Ci si sposa compilando form automatizzati al computer, grazie alla scienza non si perde tempo e si trova subito il vero amore.




Sue Tissue (Susan McLane), anima del gruppo, ha una voce
stupenda, è un'adolescente sintetica con una presenza scenica che lascia senza fiato.




Pioneers dimostra il fascino che i Devo hanno avuto su questa band al passo con i tempi, ricorda Turnaround, forse un po' troppo, ma sticazzi.




La perla che già da sola varrebbe l'ascolto del disco è Janitor. 
Il testo, come si legge nelle bio ufficiali, nasce da un malinteso.
Sue Tissue chiacchierava con un amico in una stanza rumorosa: 

"She asked me what I did for a living. I said "I'm a janitor," and she thought I said "Oh my genitals."

JANITOR

All action is reaction 
Expansion 
Contraction 
Man the manipulator 
Underwater 
Does it matter 
Antimatter 
Nuclear reactor 
Boom boom boom boom 
I guess everything's irrelative 
I'm a janitor 
Oh my genitals 
I'm a janitor 
Oh my genitals 
Oh my genitals 
I'm a janitor 
All action is reaction 
Expansion 
Contraction 
Man the manipulator 
Underwater 
Does it matter 
Antimatter 
Nuclear reactor 
Boom boom boom boom 
I guess everything's irrelative 
I'm a janitor 
Oh my genitals 
I'm a janitor 
Oh my genitals 
Oh my genitals 
I'm a janitor












1 commento: